posto


posto
posto1 /'posto/ [part. pass. di porre ].
■ agg. [determinato a priori : i termini p. per la consegna del lavoro ] ▶◀ convenuto, fissato, stabilito.
■ posto che locuz. cong. [con valore concessivo, seguita da cong.: p. che io lo volessi, non potrei comunque aiutarti ] ▶◀ ammesso (e non concesso) che, anche se, per quanto.
 
posto2 s.m. [lat. pŏsĭtus, part. pass. di pōnĕre "porre"].
1. [area disponibile per essere occupata da persone o da cose: non spingete, c'è p. per tutti ] ▶◀ spazio.
● Espressioni: fare posto (a qualcuno) [rendere disponibile dello spazio] ▶◀ fare spazio, [con uso assol.] scostarsi, [con uso assol.] spostarsi.
2. [spazio scelto, stabilito, assegnato, destinato e sim. a persone o cose: rimetti il libro al suo p. ; chi ha messo fuori p. le mie carte? ] ▶◀ luogo, sito, vano.
● Espressioni: mettere a posto ➨ ❑; fig., fam., mettere la testa a posto [cessare di fare spropositi] ▶◀ mettere giudizio, ravvedersi, rientrare nei ranghi, rinsavire, ritornare sulla retta via.
▲ Locuz. prep.: fam., a posto 1. [di persona, che si comporta civilmente e correttamente, che agisce con onestà e sim.: è gente veramente a p. ] ▶◀ ammodo, come si deve, dabbene, onesto, perbene, pulito, retto. ◀▶ corrotto, disonesto, scorretto, sleale. 2. [di luogo e sim., i cui oggetti sono nella loro collocazione abituale: la camera è a p. ] ▶◀ in ordine, ordinato. ◀▶ all'aria, disordinato, in disordine, per aria.
▼ Perifr. prep.: al posto di ▶◀ in luogo di, (ant.) in persona di, in sostituzione di, invece di.
3. [luogo geografico in genere: ecco il p. in cui sorgeva la villa ; p. di produzione di un vino ] ▶◀ località, luogo, paese, punto, sito, zona.
▲ Locuz. prep.: del posto [di tradizioni, cultura, prodotti alimentari e sim., tipici del luogo di produzione: l'artigianato, gli usi del p. ; dolci del p. ] ▶◀ autoctono, indigeno, locale. ◀▶ esotico, estero, forestiero, straniero; sul posto [sul luogo in cui è avvenuto qualcosa: arrivare sul p. ; la polizia è già sul p. ] ▶◀ in loco, in situ.
4. [spazio circoscritto, edificio o luogo in genere fornito di attrezzature e installazioni particolari per fini determinati] ▶◀ [di guida, pilotaggio e sim.] cabina, [di pronto soccorso] centro.
5. (fam.) [luogo pubblico dove si consumano cibi e bevande: qui vicino c'è un p. dove si mangia benissimo ] ▶◀ locale, (fam.) posticino.  pizzeria, ristorante, trattoria, [di tono dimesso e con mescita di vini] osteria.
6. [sito destinato a essere occupato in un mezzo di trasporto, in uno stadio, in una sala di spettacolo o in altro luogo pubblico: i p. nell'autobus ; p. di prima fila ] ▶◀ sedia, sedile, [in un'aula scolastica] banco, [al cinema, al teatro e sim.] poltrona.
● Espressioni: posto a sedere ▶◀  sedile. ◀▶ posto in piedi; prendere posto ➨ ❑.
7. [postazione a tavola: bisogna aggiungere un p. per l'ospite ] ▶◀ coperto, (non com.) posata.
8. [grado occupato in una classifica, in una graduatoria e sim.: trovarsi tra i primi p. ] ▶◀ [➨ posizione (4)].
9.
a. [attività abituale da cui si traggono i mezzi di sostentamento: essere alla ricerca di un p. fisso ] ▶◀ impiego, job, lavoro, occupazione.
b. [compito di una persona in una struttura di lavoro: cercare una persona per il p. di direttore ] ▶◀ carica, funzione, mansione, posizione, qualifica, ruolo.
c. [stato in cui una persona si trova o arriva nella vita sociale, spec. nella carriera, nella professione, ecc.] ▶◀ [➨ posizione (3. a)].
10. (fig.) [stato individuale: io, al tuo p., me ne andrei subito ] ▶◀ condizione, situazione.
● Espressioni: mettersi al posto (di qualcuno) ➨ ❑.
11. (fam.) [zona del corpo: qual è il p. che ti fa male? ] ▶◀ parte, punto.
● Espressioni: fig., eufem., mandare in (o a) quel posto ➨ ❑.
▲ Locuz. prep.: eufem., in quel posto [nel deretano, anche in espressioni volg.: cadendo si è fatto male in quel p. ; prenderlo, pigliarlo in quel p. ] ▶◀ (volg.) in culo, (fam.) nel didietro.
12. (eufem., fam.) [luogo con servizi igienici] ▶◀ [➨ posticino (2)].
13. (milit.) [luogo dove ciascun militare è stato collocato dai suoi superiori, o dove ha ricevuto l'ordine di andare: i p. delle sentinelle ; i p. di combattimento ]
● Espressioni: abbandonare (o lasciare) il proprio posto ▶◀ disertare, [spec. con riferimento a un'organizzazione politica] defezionare.
mandare in (o a) quel posto ▶◀ (volg.) mandare a fare in culo (o affanculo), (fam.) mandare all'inferno (o al diavolo o alla malora), (fam.) mandare a quel paese.
mettere a posto
1. [collocare le cose nel loro ordine abituale] ▶◀ mettere in ordine, ordinare, riordinare, sistemare. ◀▶ disordinare, scompigliare.
2. [rimettere in efficienza, riferito a macchine, meccanismi e sim.] ▶◀ accomodare, aggiustare, riparare. ◀▶ guastare, rompere.
3. [procurare un impiego redditizio a qualcuno: mettere a p. i propri figli ] ▶◀ collocare, piazzare, sistemare.
4. [costringere all'osservanza dell'educazione chi non si comporta in modo adeguato: se non obbedisci, ti metto a p. io! ] ▶◀ (fam.) aggiustare, (fam.) dare una lezione (a), punire, (fam.) sistemare.
mettersi al posto (di qualcuno) ▶◀ immedesimarsi (in), mettersi nei panni.  identificarsi (con), impersonarsi (in).
prendere posto [a cinema, a teatro, ecc., occupare un posto a sedere] ▶◀ accomodarsi, mettersi a sedere, sedersi, sistemarsi. ◀▶ alzarsi, andarsene.

Enciclopedia Italiana. 2013.

Look at other dictionaries:

  • posto (1) — {{hw}}{{posto (1)}{{/hw}}part. pass.  di porre ; anche agg. 1 Collocato, situato. 2 Supposto, ammesso | Posto che, dato che | Posto ciò, premesso questo. posto (2) {{hw}}{{posto (2)}{{/hw}}s. m. 1 Luogo determinato assegnato a qlcu. o a qlco.:… …   Enciclopedia di italiano

  • posto — |ô| adj. 1. Vestido, enfeitado. • s. m. 2. Lugar em que está um militar de serviço. 3. Corpo da guarda. 4. Qualquer lugar ocupado por tropa. 5. Graduação militar. 6. Emprego, cargo, dignidade. 7. Lugar de venda. 8.  [Brasil] Casa numa fazenda… …   Dicionário da Língua Portuguesa

  • Posto — fassen ist ursprünglich ein militärischer Ausdruck für: sich aufstellen; er ist wie so viele militärische Ausdrücke im 17. Jahrhundert aus dem Italienischen entlehnt (›prendere il posto‹ = seinen Standort einnehmen); vgl. französisch ›se poster‹ …   Das Wörterbuch der Idiome

  • posto — pȍstō pril. DEFINICIJA postotak izražen brojem FRAZEOLOGIJA sto posto žarg. sasvim sigurno, nedvojbeno ETIMOLOGIJA po + v. sto (kalk. prema lat. per centum) …   Hrvatski jezični portal

  • Posto — Posto, so v.w. Posten. P. fassen, 1) sich irgend wo aufstellen; 2) Miene machen sich zur Wehre zu setzen …   Pierer's Universal-Lexikon

  • Posto — (ital.), Stand, Posten; daher P. fassen, sich wo aufstellen, besonders zur Verteidigung …   Meyers Großes Konversations-Lexikon

  • Posto — (ital.), Posten, Stand …   Kleines Konversations-Lexikon

  • Posto — Posto:P.fassen:⇨aufstellen(II) …   Das Wörterbuch der Synonyme

  • posto — 1pò·sto, pó·sto s.m. FO 1. spazio o porzione di spazio che può essere occupato da persone o cose: occupare, tenere troppo, poco posto; nella stanza c è posto per tutti, fammi un po di posto; anche fig.: occupa un posto importante nel mio cuore 2a …   Dizionario italiano

  • posto — po/sto (1) part. pass. di porre; anche agg. 1. collocato, situato, sito, ubicato, messo, piazzato, piantato □ adagiato, giacente CONTR. levato, tolto 2. (+ che) supposto, ammesso, premesso, dato, stabilito CONTR. escluso, rifiutato, negato …   Sinonimi e Contrari. Terza edizione